logansltd2
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
Il soldato Gilat è tornato a casa

 

Gilat Shalit Home

Data: 7 novembre 2011
Autore: La redazione
Testata: Logan’s Centro Studi sul terrorismo
Titolo: Il soldato Gilat è tornato a casa
Scambiato contro 1.027 prigionieri palestinesi per la stramaggioranza terroristi o collaboratori di terroristi, questo è il costo del ritorno di Gilat Shalit; però per Israele, nessun costo è abbastanza elevato per riportare a casa uno dei suoi, non si abbandona un figlio e Gilat è un figlio di Israele!



Non è un segno di debolezza, ma anzi di grande forza quello di rilasciare tutti questi assassini, vedere con quali onori sono stati accolti come se fossero degli eroi e non dei luridi assassini assettati di sangue. Ma non importa perché Israele era troppo impegnata a godersi la gioia di rivedere Gilat dopo cinque anni e quattro mesi di sequestro senza che abbia mai potuto vedere la luce del sole, neanche per un momento.

E’ stata una grande emozione per tutti vedere quanto era magro e debole e come faceva forza su se stesso per camminare e parlare, per ritornare a casa con estrema dignità, vederlo indossare subito la sua divisa per mostrare la sua appartenenza a Tsahal malgrado tutto quello cha dovuto subire e per ultimo quella schifosa intervista alla televisione egiziana monitorato da due terroristi di Hamas mascherati dovendo rispondere a delle domande stupide.

Non ha mai perso la fede, Gilat, e questo è la forza del popolo ebraico, la fede! Malgrado le violenza psicologiche e tutto, Gilat spinto all’estremo ha resistito e non ha perso la fede per il ritorno a casa e ha vinto, è tornato!

Mentre in Israele tutti  piangevano  dalla gioia in Palestina, si poteva vedere i prigionieri liberati, grassi e pimpanti, eh si,  perché  Israele  nutre e tratta bene anche i terroristi. Tutti i loro diritti vengano rispettati e sono curati bene. Appena liberati, molti di loro hanno dichiarato che continueranno le loro attività contro Israele e chiaramente non hanno preso in considerazione l’avvertimento del primo ministro Nethanyau; chiunque di loro riprenderà le armi contro Israele sarà severamente punito! A buon intenditore……

Questa è la lista dei nomi dei primi 477 prigionieri rilasciati:

Lista dei prigionieri palestinesi rilasciati in cambio di Gilat Shalit

Conformemente alla decisione del governo israeliano, i prigionieri sono stati liberati come segue:

I prigionieri numerati  da 1 a 131 sono tornati a vivere a casa loro nella striscia di Gaza;
Dal numero 132 al  186 sono tornati a casa loro in Giudea o Samaria o a Gerusalemme dell’est;
Dal numero  187 al 241 sono tornati sempre in Giudea, Samaria o Gerusalemme dell’est però saranno oggetto di controllo stretto;
Dal numero 242 al 281, sono stati espulsi all’estero, principalmente in Libano;
Dal numero  282 al 299, sono stati  mandati nella Striscia di Gaza con l’interdizione di uscirne per tre anni;
Dal numero  300 al 444 , sono stati mandati a Gaza;
Dal numero  445 al 450, sono tornati a casa loro in Israele;
Le donne dal numero 451 al  477  sono tornati a casa in Giudea, Samaria, Gerusalemme dell’Est e Gaza ad eccezione del numero 473 che è stata  espulsa in Giordania .

Per vedere il filmato sul ritorno di Gilat e il vero aspetto della famosa intervista all TV egiziana, cliccare sui link seguenti:

http://www.loganscentrostudi.org/il-ritorno-a-casa-di-gilad-shalit.html

http://www.memritv.org/clip/en/3157.htm